Volontariato

L’intera organizzazione è completamente gestita su base volontaria.

Non riceviamo sovvenzioni pubbliche e non abbiamo dipendenti.

I volontari si occupano della gestione del rifugio (alimentazione, pulizia, terapie sanitarie) cercando il più possibile di ricreare un ambiente familiare; si occupano dell’organizzazione di eventi e/o mercatini per la raccolta fondi; dei colloqui pre e post affido e di tutte le attività necessarie all’organizzazione del rifugio.

Cosa puoi fare in qualità di volontario:

  • Operatore in rifugio: Si occupa della pulizia degli ambienti, della pappa ed è a stretto contatto con i mici liberi in rifugio. Presenza costante
  • Operatore in infermeria: Si occupa della pulizia delle gabbie di degenza e delle terapie, come da istruzioni del Direttore Sanitario. Presenza Costante
  • Il “Banchettaro”: Si occupa dei mercatini, dell’organizzazione di eventi e di tutto ciò che può essere utile per la raccolta fondi. Presenza saltuaria
  • Il “Tuttofare”: Mantenere funzionante un vecchio edificio necessita di continui lavori. Abbiamo bisogno di artigiani che all’occorrenza ci diano una mano a fare piccoli lavori di manutenzione. Presenza saltuaria
  • L’ “Ambasciatore”: Si occupa dei tesseramenti e di vendere gli articoli che produciamo, sponsorizza i mici e le adozioni a distanza. Presenza saltuaria
  • Il “Pet-Taxi”: Persona automunita che si occupa a consegnare e ritirare i mici da e per la clinica veterinaria. Presenza saltuaria

Per i volontari in rifugio ed infermeria è obbligatoria la sottoscrizione della tessera socio annuale e dell’assicurazione.

Cosa chiediamo ai nostri volontari:

  • Costanza: E’ importante per far sì che il rifugio ed i turni siano sempre coperti e ben organizzati.
  • Serietà: Dalla qualità del lavoro svolto dai volontari dipende la qualità della vita dei nostri mici.
  • Passione: Sembra banale ma non lo è. Serve tanta tanta tanta passione.
  • Disponibilità: Chiediamo almeno due turni nell’arco del mese per questioni organizzative. La partecipazione alla vita del rifugio (eventi, riunioni etc) è molto gradita.
  • Maggiore età: Le necessarie attenzioni alle disposizioni sanitarie nonché a quelle in materia di sicurezza, non permettono l’attività di volontariato ai minori.
  • Un po’ di spirito di sacrificio: Il rifugio è “una macchina” che lavora 365 giorni l’anno ed ha la necessità di avere “giocatori sempre in campo”.
  • Paura di “sporcarsi le mani”: lasciatela a casa.

Per diventare volontario in rifugio contattaci tramite la mail mondogattolodionlus@gmail.com o la pagina facebook, riceverai la risposta a tutte le tue domande e potrai prendere accordi per quando iniziare.